Le caratteristiche del tango argentino

Oggi il Tango Argentino è il fenomeno culturale più vasto che l’America latina sia mai riuscita ad esportare nel mondo. Il Tango come danza, ma anche la sua musica, riescono ad attirare ancora moltissime persone.

Le emozioni e i sentimenti sono alla base del momento Tango.

Il Tango per il cantante, il ballerino, il musicista, può essere amore, sofferenza, rabbia, gelosia, abbandono; può essere gioia di vivere quando si è felici, malinconia quando si è tristi, ma è comunque un canale per trasmettere ciò che abbiamo dentro. È forse questa una delle armi che ha permesso le diffusione mondiale del Tango.


Il tango argentino musicale si divide in tre generi, basati sul ritmo: tango, milonga e tango vals.

Musicalmente il Tango ha un tempo di 4/4 o 2/4, come la Milonga, mentre il Tango Vals, che deriva dal Valzer ha tempo 3/4.
Il ritmo del Tango ha due caratteristiche particolari: è fortemente cadenzato, ha una melodia non uniforme che è più spinta e meno spinta, nell’ambito di uno stesso brano: ciò comporta una accelerazione e decelerazione dei passi, in armonia con la musica.

La milonga

Nel tango i passi sono sostanzialmente ben allungati e definiti; nella Milonga invece sono decisamente più veloci e ritmati per cui il tempo per eseguire i passi sarà diverso dal tango argentino: i passi quindi risulteranno più rapidi e compatti.

L’origine della milonga è incerta e ha tante influenze soprattutto dal Perù, Spagna, Brasile e Cuba. Era un fenomeno di andata e ritorno, generi che venivano e andavano dall’Europa verso l’America e viceversa.
Ha delle assomiglianze con il candombe (ritmo che ballavano i neri di Montevideo) e la habanera che arrivava da Cuba.
Il ballo della milonga ha movimenti simili al tango però e più veloce, inoltre la milonga può essere ballata con traspiè o Lisa.
Esibizione di milonga

Il tango Vals

Il vals argentino o criollo non è molto diverso dal tango nella sua esecuzione,  possiamo dire che è una variante del tango.
Il tango vals nasce dalla contaminazione con i valzer europei, ed il suo ritmo di base è 3/4 al posto del classico 2/4.
Quando il valzer arriva nel continente sudamericano fu incorporato nei vari balli contaminati dal folklore del posto.

E’ facile riconoscere un tango vals proprio perchè presenta una forte similitudine ritmica con i classici valzer.

Il vals criollo conserva il ritmo di tre tempi caratteristico del valzer viennese, mentre il movimento continua ad essere binario come il tango.

Esibizione di tango vals